La compilazione della Dichiarazione IVA - Software contabilità per commercialisti ed aziende: Blustring

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Tutorials

LA COMPILAZIONE DELLA DICHIARAZIONE IVA

Torna all'indice
Torna all'indice
PRESUPPOSTI PER LA DICHIARAZIONE
Se la contabilità è stata gestita correttamente, la compilazione della DICHIARAZIONE IVA potrà essere completata in una manciata di secondi.
In ogni caso, è utile conoscere la logica utilizzata dal software per la compilazione automatica della dichiarazione.
Detto altrimenti, sebbene la compilazione della Dichiarazione IVA avvenga quasi in modo automatico, è comunque utile conoscere la logica utilizzata dal programma per prelevare i dati dalla contabilità e riportarli nella Dichiarazione.
In sintesi:
  • La compilazione del quadro VE avviene in base ai dati presenti nella sezione DETTAGLIO IVA delle registrazioni delle fatture di vendita. Inoltre, vengono prevevati gli importi dalle registrazioni dei corrispettivi;
  • La compilazione dei quadri VF, VJ avviene in base ai dati presenti nella sezione DETTAGLIO IVA delle registrazioni delle fatture di acquisto;
  • Ovviamente, la compilazione del quadro riepilogativo VL (sezione 1) avverrà riprendendo i totali dei quadri VE, VF, VJ.
LA COMPILAZIONE 
La compilazione della dichiarazione IVA in forma autonoma è facile e veloce:
  • Con Blustring generi un file telematico provvisorio contenente i dati anagrafici ed i quadri: VA, VE, VF, VJ, VT, VH;
  • Con il software SOGEI IVA 2016, importi il file generato da Blustring.

Quindi, con il software SOGEI, dopo aver verificato (ed eventualmente modificato e/o integrato) i dati importati da Blustring, potrai:
  • Generare il file telematico definitivo, da trasmettere all'Agenzia delle Entrate tramite Entratel, o FileInternet;
  • Effettuare la stampa ministeriale della Dichiarazione IVA.
IL VERSAMENTO DEL SALDO IVA
Se la dichiarazione IVA annuale chiude a debito, puoi decidere se versare l'importo in un'unica soluzione, oppure rateizzarlo.
La predisposizione delle deleghe F24 avviene in modo automatico, devi solo:
  • Prelevare l'importo dalla dichiarazione IVA;
  • Impostare il numero di rate.
L'UTILIZZO DEL CREDITO IVA
Se la dichiarazione IVA annuale chiude a credito, puoi utilizzare il credito:
  • In detrazione IVA da IVA (detrazione verticale);
  • In compensazione in F24 (compensazione orizzontale);
  • Parte in detrazione, e parte in compensazione.
Se hai deciso di utilizzare TUTTO il credito IVA in detrazione verticale, allora puoi ignorare questo tutorial.
Invece, se hai deciso di utilizzare il credito IVA (in tutto, o in parte) in compensazione orizzontale, allora ti raccomandiamo la visione di questo tutorial. Apprenderari a caricare il credito nella gestione F24, per poi utilizzarlo in compensazione in F24 con i tributi che dovrai versare nel corso dell'esercizio.
ATTENZIONE: Ricorda sempre che, per impostazione predefinita, il software Blustring porta l'eventuale credito in detrazione IVA da IVA. Pertanto, se decidi di utilizzarlo (in tutto, o in parte) in compensazione, devi ricordarti di stornarlo dalla gestione IVA. Diversamente, potresti rischiare di utilizzare lo stesso credito 2 volte (in detrazione, ed in compensazione).
APPENDICE
ATTENZIONE AI DATI ANAGRAFICI DELL'AZIENDA!
Affinché la generazione di un qualunque file telematico possa avvenire correttamente, è necessario che i dati anagrafici dell'azienda siano stati impostati in modo adeguato, come mostra il video tutorial, qui sotto linkato:
CASI PARTICOLARI: CORRISPETTIVI VENTILATI E REGIME DEL MARGINE
Nel caso in cui siano stati registrati corrispettivi ventilati, o operazioni assoggettate al regime del margine, prima di procedere con la creazione del file telematico, è auspicabile effettuare piccole modifiche manuali agli importi della dichiarazione.
L'operazione è semplice e veloce grazie alle apposite stampe di verifica:
  • In presenza di corrispettivi ventilati, occorre rettificare gli importi del quadro VE, che di default, non tengono conto dei corrispettivi da ventilare (Per maggiori dettagli, CLICCA QUI);
  • In presenza di operazioni soggette al regime del margine, occorre rettificare gli importi del quadro VE, che di default non tengono conto del margine maturato (Per maggiori dettagli, CLICCA QUI).
 
Torna ai contenuti | Torna al menu